Terreni agricoli: imposta di registro ridotta sul diritto di superficie

Secondo la Corte di Cassazione, l’atto di costituzione del diritto di superficie su un terreno agricolo è soggetto all’imposta di registro ridotta del 9% (in luogo, quindi, del 15%) .

Questo è quanto emerge dall’ordinanza n. 3461 dell’11 febbraio 2021, con la quale la Cassazione ha rigettato il ricorso dell’Agenzia delle Entrate.

La vicenda

Il caso in oggetto riguardava la costituzione del diritto di superficie su un terreno agricolo in favore di una società per la realizzazione di un impianto fotovoltaico. L’Agenzia delle Entrate richiedeva, con riferimento all’atto di costituzione del diritto di superficie, un’imposta di registro del 15%.

La Corte Suprema, tuttavia, ha rilevato come tale atto ha l’effetto di separare la proprietà del suolo da quella della costruzione soprastante. Sicché, la costituzione del diritto di superficie sul terreno da parte del cedente, non può seguire le regole dettate per gli atti che hanno per oggetto il trasferimento dei diritti reali.

Il diritto di superficie

Il diritto di superficie è un diritto reale disciplinato dall’art. 952 del Codice Civile. Il proprietario del terreno può costituire il diritto di realizzare e mantenere al di sopra del fondo una costruzione a favore di un altro, che ne acquista la proprietà. Così, secondo la Cassazione, si determina la separazione fra la titolarità giuridica del suolo e quella della costruzione, da realizzare o già esistente.

Non si configura però un frazionamento della titolarità giuridica del suolo che rimane in capo al concedente. Si verifica piuttosto una compressione del diritto dominicale. Il proprietario rinuncia a esercitare il suo pieno potere di disposizione sul fondo gravato dal diritto di superficie. Ed è grazie alla costituzione di quest’ultimo che sorge la proprietà superficiaria del concessionario.

Ne consegue che la “costituzione” del diritto di superficie su terreni da parte del cedente-costituente non segue le regole dettate per gli atti aventi a oggetto il trasferimento.

Per saperne di più

***

iFarmers, da sempre al fianco degli allevatori ed agricoltori, rimane a vostra disposizione per fornire tutti i chiarimenti del caso e, se richiesto, esaminare insieme ai nostri consulenti le vostre problematiche al fine di trovare soluzioni pratiche e immediate.
Per ulteriori informazioni e approfondimenti lasciate un commento e vi risponderemo.

Lascia un commento